Monthly Archives: Maggio 2013

Elezioni amministrative del 9/10 giugno 2013 – Campagna Riprendiamoci Torre Faro – I candidati di Torre Faro

Category : Uncategorized

Per dare un seguito al post del 07/05/2013, con il quale questa redazione auspicava una riforma della legge elettorale a livello locale che consentisse ad ogni villaggio di avere una propria rappresentanza in seno ai consigli comunali e di quartiere, ecco i nomi dei candidati di Torre Faro che si contenderanno il posto di consigliere e presidente alle prossime elezioni amministrative del 9/10 giugno 2013. L’elenco dei candidati – si spera completo – è stato predisposto in ordine alfabetico, al fine di fugare ogni dubbio – ove ve ne fosse alcuno – sulla volontà di questa redazione di non voler dare specifiche indicazioni di voto, ma di voler semplicemente sensibilizzare la gente di Torre Faro a votare solamente candidati locali, in vista, si spera, di una futura riforma elettorale locale che legittimi la suddetta proposta.


Consiglio Comunale                            Presidenza di Quartiere                         Consiglio di Quartiere
Alibrandi Paolo                                      Arria Santi                                                Arena Pino
Ferrara Enrico                                       La Rosa Giovanni                                      Arena Saverio
                                                                                                                              Cardile Sacha
                                                                                                                              Cutugno Maria Pia
                                                                                                                              Donato Laura
                                                                                                                              Donato Matteo
                                                                                                                              Lambraio Antonio
                                                                                                                              Longo Floriana
                                                                                                                              Rando Salvatore
                                                                                                                              Risitano Andrea 
                                                                                                                              Russo Dino
                                                                                                                              Sanò Giuseppe



A Torre Faro pesca illegale, mentre le autorità latitano

Category : Uncategorized

Anche a Torre Faro, purtroppo, esiste la pesca di frodo e non è un caso che negli ultimi anni la fauna di quello che era considerato uno dei mari più pescosi del mediterraneo si sia notevolmete impoverita. Da parecchi anni, infatti, nelle acque antistanti la costa tirrenica, che si estende da punta Capo Peloro a punta Capo Rosocolmo, due piccoli pescherecci (uno bianco ed uno blu) praticano sottocosta la pesca a strascico/circuizione, compiendo razzie di carangidi e simili, nonostante le innumerevoli denunce sporte alle autorità competenti dai diportisti locali.

Di recente centinaia e forse migliaia dei suddetti esemplari, di varia taglia, sono stati catturati nelle acque antistanti “Torre Bianca” e cioè in un tratto di mare a poca distanza dalla costa e, soprattutto, caratterizzato da un basso fondale, dove la citata tecnica di pesca non è certamente consentita. Basta, infatti, dare uno sguardo alle carte nautiche per capire che ci si deve allontanare parecchio dalla costa per trovare un fondale adatto a quella tecnica di pesca.
Il fatto che i citati pescherecci continuino a battere imperterriti il suddetto tratto di mare, senza che la Capitaneria di Porto di Messina abbia mai preso seri provvedimenti, lascia parecchio perplessi.
Quanto sopra senza considerare il fatto che esiste il Piano Gestione Sicilia (ex art.24 del Reg. CE n.1198/2006), avente per oggetto lo sfruttamento del mare da parte delle navi da pesca iscritte in Sicilia ed autorizzate a quel sistema di pesca, che prevede zone a protezione speciale (ZPS di colore arancione nella cartina) in cui la suddetta tecnica di pesca è assolutamente vietata. Da un semplice sguardo alla sottostante cartina – allegata al piano – appare evidente che il tratto di mare ricompreso tra “Capo Rosocolmo”, Bagnara, Villa San Giovanni e Messina, all’interno del quale si trova lo specchio d’acqua antistante “Torre Bianca” di Torre Faro, dovrebbe essere interdetto alle imbarcazioni da pesca che praticano la tecnica dello strascico/circuizione.
Al fine di tutelare le specie ittiche maggiormente a rischio sarebbe opportuno una maggiore attenzione degli organi competenti e maggiori controlli da parte delle autorità preposte, ovviamente, sia per i pescatori professionisti che per i dilettanti.
 

L’insidia a Torre Faro è sempre in agguato

Category : Uncategorized

Ecco come si presenta il tratto di strada di via circonvallazione tirrenica di Torre Faro nei pressi del noto ristorante “Cala Sole”. Da circa due mesi, infatti, a causa dello scardinamento di un tombino della condotta fognaria, sulla suddetta via si è formata una buca, a dire il vero, prontamente transennata, ma, a tutt’oggi, ancora non riparata. Non si comprendono i motivi del suddetto ritardo, considerato che la buca si trova all’uscita di una curva a visuale impedita che, certamente, crea notevoli problemi alla circolazione, ma che potrebbe risultare pericolosa per gli utenti della strada, costretti a sterzare bruscamente per evitarla e magari andare a scontrarsi con le autovetture provenienti dal senso di marcia opposto.
Per ripararla ……….. basta poco che ce vò.


Riprendiamoci Torre Faro – Consigli utili per un voto utile

Category : Uncategorized

Una breve premessa è d’obbligo a questo post, al fine di fugare ogni dubbio sull’indipendenza politica di questo blog. Torre Faro Blog, si ribadisce, ha a cuore solo ed esclusivamente le sorti di Torre Faro e della comunità che vi risiede ed attraverso i suoi post persegue lo scopo di denunciare le molteplici problematiche che lo affliggono, nonché contribuire attivamente alla soluzione delle stesse.
Con questo post, infatti, la redazione di Torre Faro Blog, ben lungi dal dare specifiche indicazioni di voto per le prossime elezioni amministrative del 9/10 giugno, intende suggerire ai residenti il ragionamento che ognuno di essi dovrebbe fare prima di esprimere la propria preferenza per l’uno o l’altro dei candidati.
Torre Faro, da sempre, politicamente parlando, è considerata terra di nessuno e da saccheggiare ad ogni costo, soprattutto nei momenti come questo dove le promesse diventano merce di scambio e dove il clientelismo spadroneggia a discapito del bene collettivo e dell’interesse stesso della società civile.
Torre Faro è il paese della frammentazione del voto, dove tutti i candidati – più o meno sponsorizzati dagli “esterofili” di turno – riescono a raccattare voti che, certamente, contribuiranno ad arricchire il loro personale bottino, ma che, inevitabilmente, andrà spartito laddove la raccolta sarà stata più grassa.
Per cambiare questo stato di cose, almeno a livello locale, bisogna alzare le barricate e non permettere ad altri candidati (non residenti) di compiere razzie sul nostro territorio, bisogna, insomma, votare solamente i candidati residenti a Torre Faro, di qualunque partito essi siano. Costoro solamente, in ogni caso meglio di altri, potranno individuare le problematiche che tormentano il nostro territorio ed essere in grado di rappresentare nelle sedi istituzionali le istanze della nostra collettività. Costoro solamente potranno diventare i nostri diretti interlocutori, a cui ci si potrà rivolgere per ogni evenienza. Costoro solamente, infine, ci potranno dare la possibilità di bussare alla loro porta per chiedere il rendiconto, senza alcuna possibilità di sfuggire ad alcuna critica.
Insomma, solo con loro potremo avere la possibilità, ove ve ne fosse alcuna, di riprenderci in mano Torre Faro.
La redazione di Torre Faro Blog si rende conto che questo ragionamento a qualcuno potrà sembrare un inno  all’indipendentismo e/o secessionismo di stampa leghista, ma in realtà non è altro che l’applicazione pura e semplice del principio della rappresentatività elettorale territoriale, per cui un consiglio comunale e/o di quartiere, per essere realmente rappresentativo deve essere necessariamente composto da consiglieri eletti – perché residenti – in quel quartiere e/o in quel villaggio. Ognuno di essi, certamente, profondo conoscitore del suo territorio, sarebbe in grado di rappresentare, meglio di ogni altro, gli interessi della collettività in cui vive.
Tale ragionamento, ovviamente, andrebbe esteso anche agli altri quartieri e villaggi del Comune di Messina.
In questo senso, una riforma della legge elettorale, a livello locale, potrebbe prevedere l’obbligo della rappresentatività territoriale nei consigli comunali e di quartiere, attraverso la formazione di mini circoscrizioni – verosimilmente estese ai confini dei villaggi – all’interno delle quali eleggere ognuno i propri rappresentanti, in numero proporzionale alla popolazione residente.
A buon intenditore poche parole.        

Categorie