Immigrati mantenuti e senza nessuna prospettiva. Perchè non utilizzarli?

Immigrati mantenuti e senza nessuna prospettiva. Perchè non utilizzarli?

Category : Uncategorized

E’ notizia, oramai, risaputa da tutti, che il costo di mantenimento per ogni immigrato sbarcato sulle nostre coste si aggira attorno ad € 45,00 al giorno, importo questo da non confondere con gli ulteriori costi che lo Stato Italiano deve affrontare per sostenere l’operazione “Mare Nostrum” e che, in questa sede, non si osa nemmeno quantificare, visto che andrebbero considerate anche le spese per l’eventuale espulsione degli “indesiderati”, quelle per il controllo delle frontiere ed, infine, quelle per la cooperazione con i paesi terzi finalizzata ad arginare il fenomeno. Come è facile dedurre, i costi sono talmente alti che occorrerebbe un’autonoma voce di bilancio e non capitoli di spesa ricompresi – forse non a caso – nei bilanci delle varie amministrazioni “interessate”. La formazione di un autonomo e consistente bilancio su questa spesa, forse, provocherebbe la reazione del popolo, non tanto per la sottrazione di risorse che potrebbero andare a vantaggio dello stesso, quanto per il fatto che, comunque, in tutta questa situazione c’è sempre il furbetto “italiano” di turno che, certamente, ci guadagna. Si pensi a tutto l’apparato “non statale” che opera, magari sotto l’egida del volontariato, all’interno della macchina organizzativa dell’accoglienza agli immigrati.
Detto questo, ritornando al costo giornaliero di mantenimento degli immigrati nel nostro paese, appare lecito farsi una domanda: perchè questi immigrati, una volta rifocillati, non possono essere utilizzati, magari dagli enti territoriali – che in ogni caso sono quelli che provvedono al loro mantenimento con i centri di accoglienza locali -, in attività dove vi è carenza di manodopera e così compensare il costo di quel mantenimento giornaliero che lo Stato Italiano, in ogni caso, garantisce loro?
Dopotutto, tra le altre legittime aspettative degli immigrati, vi è anche quella di trovare un lavoro per potersi mantenere. Oggi, purtroppo, si vedono solo immigrati mantenuti che non fanno altro che vagabondare per le vie della città, elemosinando qua e la qualche spicciolo, mentre, per esempio, nella città di Messina, a dire dei nostri amministratori, manca la manodopera che garantisca la pulizia e la scerbatura delle strade cittadine e di periferia.

Leave a Reply

Categorie