Monthly Archives: Gennaio 2015

Sergio Mattarella eletto 12° Presidente della Repubblica Italiana

Category : Uncategorized

Con la quarta votazione a camere congiunte, Sergio Mattarella supera il quorum, incassa 665 voti e diventa il dodicesimo Presidente della Repubblica Italiana. Visibilmente commosso, durante la notifica del risultato da parte del Presidente della Camera Laura Boldrini, le sue prime parole sono: “Il pensiero va soprattutto e anzitutto alle difficoltà e alle speranze dei nostri concittadini. E’ sufficiente questo”.
Speriamo che sia un Presidente sì, di poche parole, ma di grande sostanza. 
Auguri di un buon e proficuo lavoro.

Il Presidente della Repubblica che noi tutti vorremmo

Category : Uncategorized

Da qualche mese non si fa altro che parlare di chi sarà il nuovo Presidente della Repubblica Italiana. Si fanno i nomi più disparati, dettati, più che altro, da interessi partitici e da giochi di potere che nulla hanno a che vedere con il dato costituzionale che sancisce “Il Presidente della Repubblica è il Capo dello Stato e rappresenta l’unità nazionale“.
Allora, non si può pensare che il Presidente della Repubblica debba essere prima un politico, poi un tecnico, ora tante altre cose o, addirittura, un po di tutte queste ed, ancor peggio, di questa o di quella fazione politica. In verità, si è perso il senso dell’elezione della prima carica delle nostre istituzioni, delle funzioni che la stessa deve svolgere, nonchè di chi deve rappresentare.
In questo clima di falsi proclami e pubbliche smentite, il popolo, impotente, sta a guardare e non può fare altro che immaginare un Presidente di specchiata onestà, che sappia trasmettere col suo esempio questa sua qualità a tutti gli italiani, che, non appartenendo a nessuna corrente politica, sappia, invece, dare un senso di appartenenza a quanti l’hanno perso, a tutti quelli che cercano, anche inconsciamente, un punto di riferimento, una forza aggregante che li faccia sentire veramente una Nazione.

“Sud scaveme a fossa” canzone testamento (inedita) di Pino Daniele

Category : Uncategorized

La sua vita era appesa ad un filo di lana e lui ne era consapevole, come si legge tra le righe della sua canzone testamento, ancora inedita e non musicata, “Sud scaveme e fossa”.

Il testo

Sud scaveme ‘a fossa,
voglio murì cu’tte!
Mmiez’ ‘e penziere d’ ‘a gente
dint’ ‘a chest’aria ‘e turmiente.

Sud scaveme ‘a fossa,
voglio murì cu’tte…

‘Ncopp’ ‘o presepio a Natale,
dint’ a ‘nu cuopp’ ‘e giurnale.

E ogge, ca i’ passo ‘a ‘nu munno a n’ato,
a me mme pare quase tutt’ ‘o stesso.

‘E mamme, ‘e figlie,
‘e viecchie, ‘e mariuole,
si stanno a Sud
fanno cchiù rummore.

Nuje nun simmo mangiaspaghetti,
nuje nun simmo nè terrone e nè fasciste:
nuje ch’ammo jettato ‘o sanghe
int’a sta Storia,
partimmo pe’ turnà
addò simme nate.

Partimmo, pe’ gghì a truvà
chello ch’amma lassato.
Ma pecchè?

Sud scaveme ‘a fossa,
voglio murì cu’tte.

di Pino Daniele

Categorie